XI

È sempre cosi – in un giorno come tanti, in un giorno generico che non ha senso… nel momento in cui niente poteva farti immaginare il destino che ti attendeva – eccolo li, ad un milletro dal cuore in ogni leggera fibra di me. Chi mi conosce sa che difficilmente mi abbatto – che raramente il mio coraggio viene meno. Chi mi conosce sa che la vita è un emotivo vivere, per me, ed in questo emotivo vivere introduciamo ed includiamo tutto…perché chi ha coraggio e volontà vive tutto…non facendo distinzione di bello – brutto, caldo, freddo…tutto è un evento…ogni cosa è da vivere…come il migliore degli chef ( quello che non fa scarti ) i più audaci esseri umani non rinunciano a niente trasformando tutto nella definizione vita.

Ma oggi no – oggi in questo giorno – come tanti ( apparentemente ) come altri ( apparentemente ) con lo stesso ( EFFETTIVAMENTE ) – sparisce l’ultimo granello di vitalità ( di emotività, di speranza, di luce e di tutto) perché dico sempre il senso delle cose sta nelle cose che hanno senso…quelle che non stanno in niente…non sono più circostanze…sono straordinarietà..e spesso lo straordinario sfocia in un tradotto sincero, emotivo ASSURDO. Non piango mai – o raramente è vero..ma come può un vaso pieno riempirsi ancora, se piangendo non ha invaso ma ha solo riempito. Il resto è solo mio – è solo un’altro strazio da custodire dentro una memoria ormai agonizzante…stanca…maledettamente intasata di circostanze prioritarie e carcasse d’anima abbandonate a me stesso. Un tempo ormai troppo lontano il mio adorato nonno mi disse ” se le cose devono andare solo il buon Dio può far si che le stesse finiscano proprio come sono iniziate ” a distanza di anni non mi chiedo più cosa deve finire – in tutta onesta, di tutto questo, non so da dove iniziare e dunque non saprei dire da dove ciò ha avuto inizio. Per cui mi tocca ragionare per eventi tangibili – per spiegazioni che non siano ipotesi e piazzare la scienza prima del mistico.. Non esiste niente e tutto questo è solo frutto della mia fantasia.

Il dolore come la felicità- come la tristezza sono difetti della vita…la vita – secondo un criterio di applicabilità effettiva ha solo due assetti…nascita e morte…letta cosi non sarebbe niente male ( vedi gli animali ) se non esistesse la parte più ricca di un essere umano…l’essere appunto.

11 settembre 2018 diario di bordo

Nulla da dire – in merito niente da aggiungere se non la consapelvolezza dentro – in grado di anestetizzare ogni volontà di andare avanti.

45 pensieri riguardo “XI

    1. Lila…so che posso sempre contare sulla tua presenza…e so che nella parte più nobile di una grande anima si cela sempre il significato immenso di rispetto…di un accogliente sorriso e di un volto sorridente pronto a donarti la giusta spinta…è sempre un grande onore averti tra le mie parole…ancor di più il tuo affetto…di cui faccio tesoro nelle buie corse della vita…un grande abbraccio…e ti raccomando non sparire…

      Piace a 1 persona

      1. Io non sparisco e tu sai che puoi scrivermi anche una mail a cui sarò lieta di rispondere. Mi dispiace di non essere sempre presente qui ma effettivamente non ho molto tempo a disposizione tra nipotini, casa, lavoro …
        Il mio affetto rimarrà integro perché sei veramente una bella persona e non è facile di questi tempi trovare un uomo come te.
        Ti abbraccio. Lila

        Piace a 1 persona

      1. Il tuo almeno qui ci siamo è riflessivo. È un difetto dell’ era l’indifferenza, il distacco. In passato – la ns storia parla di una comunità comunicativa – tollerante ed unita. Queste sono le basi di quel progresso di cui parlavano i ns nonni che vivevano nell’ ignoranza si …ma avevano compreso che andare avanti era più semplice se uniti nelle intenzioni. Perché dico questo …perché se alla ns comunità manca qualcosa è proprio quel benessere comune del gusto di andare avanti insieme e tutti. Qui in questo segmento virtuale..si riscopre quel senso di comune sensa interesse, senza differenze sociali – per il piacere di condividere un’idea… E la condivisione di idee è un contagio e se la contaminazione è pensiero di tutti..l’idea comune accresce e di conseguenza tutti. Questo suscita il tuo almeno qui ci siamo…hai ragione. Grazie

        Piace a 2 people

      2. bella riflessione. Mi piace essere apprezzata. Sono talmente istintiva che fermarmi ora a leggerlo mi ha dato una carezza. carezza di considerazione perchè poche parole possono creare un bel pensiero, in questo caso il tuo.
        Poi amo molto i fatti ! buona giornata.

        Piace a 1 persona

      3. Ci mamcherebbe…dovrebbe essere una buona abbitudine di tutti e in ogni ambito..riprendere il gusto delle cose semplici che sono poi pe più complesse. Tutti noi dovremmo avere il tempo di fermarci…ad ascoltare…a saper dire e come hai fatto tu a porgere una mano forte su cui far leva…pensa un mondo cosi quanto sarebbe giusto e più vero…e con dei tempi adeguati a viverlo…

        Piace a 1 persona

      4. Inoltre sono un grande estimatore di Daniele Corbo…che ritengo sia tra i più suggestivi e bravi autori in wordpress… È un grandissimo poeta e inoltre le sue attività di comunicazione sono di elevata caratura…quindi leggo ciò che proponete con grande trasporto e ammirazione

        Piace a 1 persona

      5. Non avevo mai letto la vs prima pagina…ovviamente dopo che me lo hai detto sono andato a leggere…ecco una meravigliosa coincidenza…una magnifica e bellissima lettura che proseguiro. Avevo letto ogni cosa che avevate scritto…singolarmente non la grandezza del vs progetto e della vs dedizione….ho grande ammirazione per questo tipo di associazioni che sono il senso delle cose…che sono quel richiamo a cui tutti dovremmo legarci…ciò che leggo è bellissimo…emozionate……

        Piace a 1 persona

  1. Un senso lo hanno le cose che hanno un senso… anestetizzare la volontà di andare avanti…
    Scrivendo questo articolo hai “buttato fuori” una millesima parte di quello che stai provando. Una infinita millesima parte che ora non c’è più.
    Nulla è per sempre, a volte, fortunatamente.
    Pur lottando contro te stesso, contro quella volontà legittima di non sentire più nulla, tu sei qui. Per me ha un senso. Tu hai un senso.
    Ti abbraccio

    Piace a 2 people

    1. Cara cuore…che dire mi ero ripromesso di non dar seguito a questo articolo…perché ha stupito anche me …la forma cosi maledettamente cristallina e cinicamente reale. Ma adoro non apportare modifiche alle cose…credo sempre siano meritevoli di forma integrale…quando parliamo di sentimenti e di emozioni reali. E poi tu chiara….adeguatamente adattata alla mia sensazione…carpisci il senso e disarmi un arrendevole combattente che si era trincerato. Hai detto la cosa che dovevi non dire…sono qui si…inseguendo quel Quid che mi porta a scrivere e di più quando credo di essere abbattuto. Come mi sento? come un naufrago in un oceano prosciugato…sai che sei alla deriva ma puoi solo sentirti naufrago…perché il pericolo non esiste. Se peggio non è …il peggio è ( presente costante ). Bada non è una resa è stata una costatazione…una riflessione…l’11 settembre porta in se una cicatrice nei miei appunti di viaggio e la allego ad altre…tu stasera mi dai modo di reagire…più di quanto avessi fatto…con lo scrivere…e visto che siamo in tema di oceani prosciugati la metafora è il bagnante che con u secchio a piccoli passi spera di riempirlo… Non è riempire l’estremo…è ripartire il significato….riparto da qui…da questo arido vuoto che un tempo era una ridente popolazione abitabile…il costo del biglietto non è il senso dello spettacolo è il prezzo del parteciparvi….grazie…te lo scrivo con i brividi…ma te lo scrivo con tutto il mio cuore…grazie per essere sempre un gradino distante da raggiungere e di saper sempre trovare il modo di allineare i miei disordini….riparto da questo tuo messaggio che copiero con uno screen e terro in mente ogni volta che a mani nude e senza barriere vorrò solcare gli ostacoli…..credo che il coraggio non sia barriccarsi in industruttibili buker…coraggio si affrontare con le proprie debolezze gli eventi….tu sei stata una linea retta in una matassa…ti devo tanto …

      Piace a 1 persona

      1. L’ho scritto in un altro articolo e lo riscrivo qui: prima c’è l’incoscienza che ti fa agire, ti fa remare, ti permette di non smettere di respirare. Poi arriva il coraggio, che ti fa restare, che ti dà la forza di andare avanti, di essere un combattente quando serve o un naufrago steso su di un’isola che si riposa. Sei sempre tu, ed il bello è proprio questo.
        Grazie a te!

        Piace a 2 people

      2. E da oggi che leggo e rileggo…sei disarmante per quanto intensa…credo davvero di doverti ribadire la grande idea che nutro per ciò che dici…con una naturalezza da brividi…hai presente il musicista alla scala che non sbaglia una nota e la suona perfetta…sfiorandola…bravissima

        Piace a 1 persona

      3. Ma è sempre lo stesso concetto portante di sempre..tu parli di vita vera…nelle tue parole..ci sono raggi di sole e strade di città affollate…parli di vita in concentrato emotivo di giustezze e di aperture mentali da lasciare cosi..sbigottiti…nell’ apprendere che la bellezza è ovunque..i miei complimenti più sinceri…allo scrittore d’anima grande.

        Piace a 1 persona

      4. Tu mi sopravvaluti sempre. Non ti credere, anche io sono un’anima alla deriva. Non sai quante volte dico “basta” e, poi, altrettante vado avanti. Perché è così, non possiamo farci niente. “Non è finita finché non è finita”. E allora andiamo avanti, correndo, saltando, cadendo. Ma sempre avanti… ci sono ancora cose belle da fare nostre.

        Piace a 1 persona

  2. Mio caro Francesco quanto hai scritto l’ho riletto due volte anche se la data è dell’ 11 credo che il tuo stato d’animo non sia cambiato.
    Mi spiace tanto leggere parole di rassegnazione, di frustrazione, ma forse ti ha giovato scriverle. Il vero senso o per meglio dire il senso più giusto da dare a questi scambi che sembrano virtuali sta nella condivisione nell’abbraccio di una sorte comune che cambia poco.
    Vorrei solo che tu non ti lasciassi abbattere che mantenessi un minimo di freddezza; so che ti chiedo tanto ..
    Ti offro il mio ascolto.Se vuoi scrivimi in privato

    Piace a 1 persona

    1. Ti ho scritto…Marzia. Tu sei la mia scia e ti seguo…come dal primo giorno ho seguito la tua essenza….grazie so che a te ed in te posso confidare…per quello che rappresenta un’altro Everest…di un’esistenza collinare…non è scontato…quindi un grazie infinite

      "Mi piace"

    1. Grazie …commuoversi è dimostrare a noi stessi e chi condivide con noi tali emozioni…che siamo vivi che abbiamo necessità del prossimo e che crediamo nel futuro…non mollo…ogni tanto si cade…ma si deve sempre saper trovare un motivo…rileggo tutti i va messaggi e comprenderai che ne ho tanti e di questo non posso sentirmi un privilegiato. Grazie

      "Mi piace"

  3. Il dolore , come ogni altro sentimento , va affrontato e vissuto non per poterceli mettere nei cassetti del dimenticatoio , ma per farli camminare al nostro fianco e farcene dare forza ad ogni anniversario doloroso .

    Ma ciò che mi rattrista in effetti è da quel giorno tutto è peggiorato !

    Piace a 1 persona

    1. Cara Runa…è sempre li…compagno di viaggio instancabile…ogni tanto si è solo più confusi…del solito e non si filtrano le parole…indipendentemente da tutto…bisogna guardare al futuro sempre con un sottile ottimismo…è molto fragile il fatto dell’ umano in generale…per cui..non voglio scrivere spero( parola che odio Perché mi dà idea di arrendersi già un po)…ma un leggero grado di ottimismo…credo sia più corretto.

      Piace a 1 persona

  4. “Piove e tu dici è come se le nuvole
    piangessero. Poi ti copri la bocca ed affretti
    il passo. Come se quelle squallide nuvole piangessero?
    Impossibile. Ma allora: da dove questa rabbia,
    questa disperazione che ci condurrà tutti al diavolo?
    La Natura nasconde alcuni dei suoi processi
    nel Mistero, il suo fratellastro. Così questa sera
    che consideri simile a una sera da fine del mondo
    più presto di quel che credi ti sembrerà soltanto
    una sera triste, una sera di solitudine smarrita
    nella memoria: lo specchio della Natura. Oppure
    la dimenticherai. Né la pioggia, né il pianto, né importano
    i tuoi passi che risuonano durante il percorso sulla scogliera.
    Ora puoi piangere e lasciare che la tua immagine si disperda
    nei parabrezza delle auto ferme lungo il mare.
    Ma non puoi perderti.”
    (Roberto Bolaño)

    Un abbraccio! A presto!

    Piace a 2 people

  5. Caro Francesco è da tanto che non passo e mi fermo qui, da te, come adesso. Adesso, a riflettere su quello che hai scritto. Mi dispiace non essere stata presente quando forse avevi bisogno di un sostegno. Avrei voluto farti sentire la mia vicinanza che ora ti offro con tutto il mio cuore. Ecco, forse questo è il senso.Quando ci sentiamo soli a dover affrontare qualcosa che temiamo, che abbiamo paura , perché non sappiamo da che parte cominciare, perché abbiamo davanti qualcosa da superare , assolutamente difficile, eccolo il senso. Una mano tesa, sapere che non siamo lasciati a noi stessi, un aiuto verbale o presenza fisica. Tutto questo è il senso , che si cerca per poter guardare e affrontare il tutto con fiducia, con speranza. Il tuo momento ora non è più solo tuo, ma anche nostro. Ed in questa comunione , in questo sentirsi tutti insieme vicini a te, io ci vedo tutto ciò che serve per andare avanti. Una forza indicibile, un sostegno vero e profondo. Ti voglio bene. Isabella

    Piace a 1 persona

    1. Isabella tu sei come una tisana…rilassi le vibranti tafferugli della vita. Ti ringrazio…si scrive anche quando si molto oltre il dolore…appunto perché si vuole reagire…quando poi decido di non avere veli e trascuro la parte da non dire…escono fuori pensieri del genere…che non fanno male…ricordare è il miglior modo per affrontare…e la ns reazione è sempre una risposta a tutto…

      Piace a 1 persona

  6. Ti conosco come uomo e ti apprezzo come artista. Sono certo che troverai anche in questa occasione nella tua grande risorsa che è la tua famiglia l’energia che ti serve. Come vedi ho seguito il tuo consiglio inserendomi su wordpress…musica come piace a te…possibilemente lavoreremo come anni fa in una suite di musica e parole. Francesco sono con te. Il tuo amico Lucio.

    Piace a 1 persona

    1. Grazie Lucio… Lego a te ricordi meravigliosi di vissuto che ancora oggi sono la quiete nelle mie riflessioni… Non appena possibile dovremo saggiare del buon rosso …nella taverna che tanto ti piace…p.s. Alla presentazione del libro..che ormai dovrebbe ultimare la stampa…ti attendo con i tuoi cari…un saluto Lucio..sarò come sempre tuo iscritto

      "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...